Stadio di Cagliari Sant'Elia
Stadi Storici

Stadio Sant’Elia di Cagliari

Caratteristiche Stadio 
Nome StadioStadio Sant'Elia
IndirizzoVia Amerigo Vespucci, Cagliari
Capienza16.074
Inaugurazione1970
Dimensione campo di gioco105 m × 65,5 m
ProprietarioComune di Cagliari
BeneficiariCagliari

Lo Stadio di Cagliari Sant’Elia è il principale impianto sportivo della Sardegna, che prende il nome dal quartiere omonimo in cui è situato nel capoluogo di regione. Originariamente nato come stadio polivalente, con tanto di pista d’atletica, l’impianto è stato oggetto nel corso del tempo di una riduzione della sua capienza, nonché di una serie di vicissitudini che hanno portato a diversi cambiamenti radicali nel corso degli anni.

La storia dello Stadio di Cagliari Sant’Elia: dalla nascita ai diversi restyling nel corso degli anni

Progettato inizialmente come un impianto che prevedeva un solo anello di forma ellittica con una capienza di 35.000 spettatori, lo Stadio Sant’Elia fu completato ed inaugurato nell’estate del 1970 con l’aggiunta di un secondo anello attraverso la costruzione di 64 telai in cemento armato. L’inadeguatezza delle infrastrutture (il parcheggio poteva contenere solo 200 autovetture), in rapporto ad un impianto capace di 59.972 posti a sedere, che potevano diventare circa 70.000 con quelli in piedi, e un incidente a neppure due mesi dall’inaugurazione misero a serio rischio l’agibilità dello stadio praticamente fin dall’inizio.

In particolare, nel novembre 1970, accadde quanto segue: sotto l’impianto correva un oleodotto che serviva un vicino deposito carburanti dell’Aeronautica Militare; parte del carburante, verosimilmente a causa di una perdita nella tubatura, filtrò fino alla superficie e prese fuoco quando un operaio addetto alla manutenzione vi gettò un mozzicone di sigaretta acceso. L’incidente provocò la temporanea inagibilità del Sant’Elia fino alla riparazione della tubatura.

A meno di vent’anni dalla sua inaugurazione, lo stadio fu soggetto a ristrutturazione in occasione del Mondiale del 1990: i lavori, iniziati nel dicembre 1987 e durati circa due anni, servirono per adeguare le varie strutture alle normative di sicurezza, con conseguente diminuzione a 40.919 posti a sedere numerati. Inoltre, fu realizzata la copertura in legno sopra la tribuna e fu migliorata la sistemazione dei parcheggi, oltre alla ritinteggiatura di tutto l’impianto.

Prima dell’inizio del campionato di Serie B 2002/03, a causa della decisione della Lega Calcio di non dare l’agibilità allo stadio, viste le condizioni di pericolo di crollo riguardanti i settori delle curve e dei distinti, il Cagliari decise di piazzare delle tribune mobili sopra la pista di atletica, in modo da diminuire la distanza tra le vecchie gradinate ed il campo da gioco; la tribuna centrale, invece, rimase intatta.

Il nuovo formato dello stadio, portato ad una capienza di 23.486 posti, subì aspre critiche dopo che un tifoso riuscì a scavalcare le recinzioni durante una partita. Per risolvere questi problemi furono notevolmente rivoluzionate le barriere tra spalti e campo di gioco: vennero infatti rimosse le ringhiere in ferro, sostituite con dei pannelli in plexiglas. Ulteriori migliorie vennero effettuate per consentire una maggiore e confortevole visione agli spettatori dei settori Poltroncine; difatti fu creato un fossato e le panchine furono interrate nel terreno. In seguito alle piccole modifiche dovute alle nuove norme introdotte dalla famosa Legge Pisanu, la capienza scese a 20.270 posti.

Nel 2012, la Commissione Provinciale di Vigilanza dichiarò nuovamente inagibile lo stadio “per indifferibili esigenze di tutela della pubblica incolumità”. Soltanto il 29 giugno 2013, il presidente della Regione Ugo Cappellacci sancì, di comune accordo con la società rossoblù, che il Cagliari sarebbe tornato al Sant’Elia. La conclusione dei lavori di adeguamento, inizialmente prevista per la fine settembre, slittò fino all’autunno, per cui la squadra sarda poté riutilizzare l’impianto soltanto a partire dal 19 ottobre seguente, dopo essere stato parzialmente ristrutturato per essere idoneo per il massimo campionato italiano di calcio: furono eliminate tutte le barriere tra campo e tribune, il vecchio tabellone luminoso venne smantellato e sostituito con uno nuovo, e furono rimpiazzati i seggiolini della tribuna centrale.

La mappa dello Stadio di Cagliari

Attualmente, lo Stadio Sant’Elia può contare su una capienza complessiva di 16.074 posti a sedere (contrassegnati da un sediolino numerato), divisi in 7 settori:

cagliari
La mappa dei settori dello Stadio Sant’Elia di Cagliari
  • Tribuna centrale
  • Tribuna laterale/inferiore
  • Distinti centrali
  • Distinti laterali/family e poltroncine
  • Curva Sud
  • Curva Nord
  • Settore ospiti

Settore ospiti Stadio di Cagliari San Sant’Elia

Il settore ospiti dello Stadio Sant’Elia è situato alla destra della tribuna centrale inferiore, in corrispondenza con la Curva Sud. Tale settore ha una capienza massima di 473 posti.

Coreografie Stadio Sant’Elia

In alcune occasioni, i tifosi del Cagliari hanno esibito alcune coreografie semplici ma intrise di significato, come quella dedicata a Daniele Conti nel giorno del suo ritiro. Ecco qui una raccolta delle più belle:

Regolamento Stadio Sant’Elia di Cagliari

L’accesso e la permanenza nell’impianto sportivo in occasione di qualsiasi evento calcistico prevede l’accettazione di un regolamento d’uso da seguire e rispettare, riportato in un’apposita sezione sul sito ufficiale del Cagliari.

Match Internazionali Stadio Sant’Elia

L’impianto cagliaritano è stato tra i dodici stadi scelti per ospitare i match di Italia ’90. Sul prato del Sant’Elia, infatti, si sono giocate tre partite della fase a gironi, ovvero quelle dell’Inghilterra contro Irlanda, Paesi Bassi ed Egitto.  Nella sua storia, questo stadio ha anche ospitato la Nazionale Italiana in quattro occasioni: Italia-Spagna 1-2 del 1979, Italia-Argentina 0-0 del 1989, Italia-Svizzera 2-2 del 1992 e, infine, Italia-Russia 2-0 del 2005.

Biglietti partite per lo Stadio di Cagliari

Per l’acquisto dei biglietti per le partite in programma allo Stadio Sant’Elia è possibile rivolgersi presso i Cagliari Store del Largo Carlo e quello di piazza L’Unione Sarda, oppure acquistarli in modalità online.

Come arrivare allo Stadio di Cagliari Sant’Elia

Sono diversi i modi e i mezzi per raggiungere lo Stadio Sant’Elia per assistere ad una partita del Cagliari.

car-1 Raggiungere lo Stadio Sant’Elia in auto: prendere la statale 131 in direzione Cagliari, raggiungete il porto e seguite le indicazioni per lo Stadio Sant’Elia.

bus Raggiungere lo Stadio Sant’Elia in autobus: prendere l’autobus linea 6, che corre dal centro di Cagliari e ferma nei pressi dell’impianto.

train-1 Raggiungere lo Stadio Sant’Elia in treno: dalla Stazione di Cagliari, che si trova a metà strada tra il centro della città e lo stadio, prendere l’autobus linea 6 per raggiungere il Sant’Elia.

Raggiungere lo Stadio Sant’Elia in nave: il Porto di Cagliari, collegato con i porti di Civitavecchia, Napoli, Livorno, Palermo e Trapani, si trova a circa 2 chilometri dal Sant’Elia ed è raggiungibile in auto (prendendo Via Roma e Via Colombo), in autobus (linea 6) o anche a piedi.

airplane Raggiungere lo Stadio Sant’Elia dall’Aeroporto di Cagliari-Elmas: è possibile raggiungere il centro della città con l’autobus ARST e da qui prendere l’autobus linea 6 per lo Stadio Sant’Elia.

bicycle-1 Raggiungere lo Stadio Sant’Elia a piedi oppure in bicicletta: per chi predilige una soluzione ecologica, lo stadio è raggiungibile a piedi dal centro di Cagliari seguendo il corso del fiume. Per chi, invece, volesse arrivare all’impianto in bicicletta può sfruttare l’iniziativa Bike Parking, proposta dal Cagliari in collaborazione con il Comune di Cagliari, e sistemare la stessa in un parcheggio sicuro, custodito e gratuito. Per prenotare il servizio basta inviare i propri dati anagrafici a bikeparking@cagliaricalcio.com.

Parcheggiare a Cagliari allo Stadio Sant’Elia

Per chi arriva allo Stadio Sant’Elia in auto può sfruttare gli ampi parcheggi presenti nelle sue vicinanze, in particolare il ‘Parcheggio Cuore’ sul lato ovest dell’impianto.

Hotel Stadio Sant’Elia

Pernottare nei pressi dell’impianto rappresenta una buona idea per chi vuole seguire una partita senza lo stress dei trasporti per giungere allo stadio. Sono diversi gli alberghi vicino allo Stadio Sant’Elia per tutte le tasche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *